Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Monastero della Santa Croce

Il monastero cistercense di Santa Cruz de Casarrubios del Monte fu fondato nel 1633 da Alonso de Ojea e María Rodríguez, nobili e devoti vicini della città. La fondazione del convento avvenne in circostanze difficili, poiché la coppia perse una causa cruciale che interessò parte della proprietà destinata all’opera. Nonostante le difficoltà finanziarie iniziali, il convento prosperò rapidamente sotto la direzione di Madre María Evangelista Quintero Malfaz, nata a Cigales (Valladolid) nel 1591, che divenne la prima badessa nel 1634. L’edificio originale, in stile mudéjar toledano con influenze herreriane e tocchi barocchi, ha subito diversi restauri e ampliamenti, l’ultimo dei quali è stato il restauro della facciata nel 1985 ad opera dell’architetto Luis Colomo, che ne ha rispettato e valorizzato la dignità storica.

L’interno del monastero mantiene una struttura cistercense semplice ma funzionale, con il chiostro al centro, la sala capitolare, la cucina e il refettorio al primo piano e le celle, la biblioteca e gli archivi al secondo piano. La chiesa, l’unica parte originale della fondazione rimasta, ospita un grande dipinto dell’Assunzione realizzato da Juana Pérez Aguilera nel 1978, oltre a immagini di San Benedetto e San Bernardo acquisite successivamente. Tra gli elementi artistici di maggior rilievo c’è il piccolo dipinto noto come “Cristo de la Sangre” (Cristo del Sangue), che deve il suo nome a una storia legata alla devozione locale. La comunità di monache si dedica alla produzione artigianale di dolci e conserve, seguendo ricette tradizionali e innovative, grazie a lezioni tenute da chef rinomati. Il monastero è una testimonianza vivente della storia e della spiritualità cistercense e la sua fondatrice, Madre Maria Evangelista, è attualmente in fase di beatificazione.

 

  • Indirizzo
    C. Monjas, 1, 45950 Casarrubios del Monte, Toledo
  • Web
    Nessuna
  • Orario di Visita
    Sconosciuto
  • Cosa vedere
    Cristo de la Sangre

Questo post è disponibile anche in: English Español

Lascia un commento